INFORMAZIONI  |  METODO DI LAVORO  |  TATTOO INFO

“Il talento sta nelle scelte.”
Robert de Niro

 


UN DIAMANTE NON É PER SEMPRE! UN TATUAGGIO SI!

Chi si appresta a fare un tatuaggio ha spesso una serie di domande a cui cerca risposta.
Qui seguito trovi una serie di informazioni fondamentali che ti eviteranno di fare gli errori più comuni, ci faranno risparmiare tempo e renderanno l’incontro più produttivo.
Anche chi non è nuovo al mondo dei tatuaggi troverà info interessanti.

IL TATUAGGIO DURA TUTTA LA VITA. VALE PIÙ DI UN GIOIELLO! MEGLIO SE UNICO COME TE!
Soldi, tempo e dolore non significano nulla se paragonati a un’opera d’arte che porterai sempre con te!
Non fare lo sbaglio di scegliere qualcosa di scarso valore… La tua pelle è una sola e merita il meglio!!!
È una cosa seria in cui investo tutta la mia esperienza e la mia passione per offrirti il meglio!
Concediti un po’ di tempo per leggere questa pagina.

Una scelta informata è sempre la scelta migliore.


Cos’è il Tatuaggio

Il tatuaggio è considerato un intervento chirurgico di piccola entità e consiste nell’introduzione nella cute di pigmenti di varia natura. Per rimuoverlo è necessario ricorrere ad interventi chirurgici. Si può essere o diventare allergici ai pigmenti o ai metalli.

Restrizioni

Non si possono praticare tatuaggi su cute che presenta un processo infiammatorio in atto e su alcuni nevi, nel dubbio rivolgiti al tuo dermatologo così che possa mappare i nevi e dirti quali non vanno tatuati.
Per tatuarti, non devi: soffrire di cuore, epilessia, portare Pace Maker, essere sotto l’influenza di alcool o droghe, avere impedimenti fisici o mentali che possano influenzare il tuo stato di salute e la decisione di farti tatuare.
Inoltre è sconsigliato a donne in incinte o che allattano e coloro che presentano segni di malattie trasmissibili come: tubercolosi, scabbia, sifilide, gonorrea, vaiolo, morbillo, rosolia etc. in caso di dubbi dovrai presentare un certificato medico,
Se sei un donatore non potrai donare per 12 mesi dalla data del tatuaggio.

Organi Coinvolti

PELLE: il tatuaggio è una ferita, anche se superficiale.
GHIANDOLE SURRENALI: produrranno adrenalina, la sua produzione aumenta la pressione sanguigna, la capacità di lavoro dei muscoli e l’ampiezza della respirazione, mettendo l’organismo in grado di reagire a situazioni esterne di ansia o preoccupazione.
CERVELLO: come normale reazione al dolore, produrrà endorfina, sostanza simile alla morfina, che svolge un’azione fondamentale nel diminuire la sensibilità al dolore. Sarà quindi normale, al termine del tatuaggio, soprattutto dopo una lunga seduta, sentirsi un poco stanchi.

Eventuali Complicazioni

Le possibili complicazioni conseguenti alla pratica del tatuaggio riportate in letteratura sono relativamente rare, considerando la sua attuale popolarità e diffusione.

  • Reazioni Allergiche: il tatuaggio può causare reazioni allergiche individuali.
  • Granulomi: noduli che si formano attorno al materiale iniettato che il corpo percepisce come estraneo.
  • Cheloidi e cicatrici ipertrofiche: eccessiva formazione di materiale cicatriziale nel processo di cicatrizzazione di una ferita. Le aree anatomiche più predisposte sono il torace, le spalle e il collo. Spesso e volentieri tali reazioni sono causate dalla noncuranza delle regole basilari per la cura del tatuaggio e/o per l’irresponsabile esposizione diretta al sole durante il periodo di guarigione.
    Possono essere trattati, entro 6 mesi dall’esecuzione, con pomate, pressoterapia e cerotti. Entro 3 mesi possono essere trattati con prodotti omeopatici. Consulta il medico o un dermatologo per maggiori informazioni.
  • Complicazioni da risonanza magnetica nucleare (RNM): si sono verificati casi di interferenza con la qualità delle immagini.

Responsabilità

Lo Studio rispetta le fondamentali regole igieniche. È parte delle responsabilità dello studio prevenire infezioni sulla parte trattata.
Si certifica che:
  • Aghi, tubi, creme e contenitori per colori sono sterili e monouso.
  • L’ambiente di lavoro e’ sterilizzato ed igienicamente idoneo.
  • Tutte le attrezzature sono altamente professionali.
  • Tutti i colori sono certificati e idonei all’utilizzo.

Schede Sicurezza

I colori usati in questo studio sono anallegici e sono corredati da schede tecniche di sicurezza.
Vista la mole di documentazione non è possibile fornire copia cartacea ad ogni cliente.
Cliccando sull’URL qui sotto puoi scaricare il file compresso contente tutte le schede sicurezza dei colori e dei liquidi per applicare gli stencil usati in questo studio.

PRIMA DI TATUARTI

Non ci sono limiti d’età o quasi.
Per la legge italiana i minori di 16 non possono essere tatuati e dai 16 ai 18 è necessario che abbiano l’autorizzazione dei genitori ma in questo studio:
NON si tatuano minorenni! Senza eccezioni!
Detto questo, ci sono altri fattori legati all’età. Con l’avanzare degli anni la pelle diventa più sottile, le persone anziane che decidono di tatuarsi, sopratutto se vogliono tatuarsi qualcosa di esteso, dovranno considerare di sottoporsi a un maggior numero di sedute di durata limitata per evitare di danneggiare la pelle.

In uno studio di tatuaggi sii rispettoso ed educato come in qualsiasi altro luogo!

Cerchiamo di offrirti il miglior servizio per rendere la tua esperienza piacevole, ma ci aspettiamo lo stesso da parte tua. Il tuo e il nostro obbiettivo sono identici: realizzare l’opera che desideri nel modo migliore. Ecco alcune cose importanti da fare e da evitare:

Cerca di avere qualche idea chiara del tuo progetto. Possiamo aiutarti a trovare dei soggetti; ma più chiaramente riuscirai a descrivere ciò che desideri, più semplice sarà creare il disegno per te.

  • NON venire in studio se non sei seriamente intenzionato a tatuarti.
  • NON presentarti ubriaco o sotto l’influenza di droghe. Non verresti tatuato o comunque non da qualcuno con una reputazione. Essere sobri è fondamentale per lavorare insieme.
  • NON cercare di contrattare come se fossi al mercato. Contrattare con chi sta lavorando per te è di pessimo gusto ed è una mancanza di rispetto. L’ultima cosa che vuoi è che l’artista sia di pessimo umore quando ti -tatuerà.
  • Se hai un budget limitato suddividi il tattoo in più sedute. Se decidi per qualcosa di più economico o più piccolo di quel che desideri sicuramente ti pentirai. Ricorda: i tatuaggi belli non sono economici e i tatuaggi economici non sono belli. Chi cerca il prezzo più basso “indossa” brutti tatuaggi.
  • NON chiedere all’artista di disegnare solo per farti un’idea o per capriccio. Il tempo speso a disegnare per te non è gratis. Se non sai cosa vuoi o non sei pronto a pagare per una prestazione professionale evita di farci perdere tempo.
  • Fai attenzione all’igiene. Non c’è niente di peggio che avere a che fare con persone sporche e maleodoranti.
  • NON portarti il “gruppo di supporto”! Nessun artista vuole avere attorno un gruppo di tuoi amici che affollano lo studio mentre sta cercando concentrarsi sul tuo tatuaggio.
  • NON portare bambini. Lo studio di tatuaggi non è posto adatto a loro!
    L’ultima cosa che vuoi è che tuo figlio giri per lo studio toccando strumenti che potrebbero essere pericolosi per lui. Inoltre, per realizzare la tua opera è necessaria concentrazione e calma. Un bambino sarebbe una continua distrazione per te e per l’artista.

Rispettare queste minime regole di comportamento renderà l’esperienza più appagante e piacevole per entrambi.

Chi pensa che il tatuaggio non abbia nulla a che fare con l’arte figurativa sbaglia. L’arte del tatuaggio sfrutta un supporto diverso rispetto a quelli classici dell’arte ma l’obiettivo è comunque quello di creare un’opera d’arte su pelle, che a differenza di un vestito non potrai -cambiare. Quindi scegli attentamente l’artista adatto al tuo progetto.

Con la crescente diffusione sono aumentate le possibilità di scelta, ma anche i rischi di fare scelte sbagliate, uno sbaglio che avrebbe ripercussioni molto spiacevoli. Immagina di avere indosso qualcosa che non ti piace o peggio ancora, di cui ti vergogni, che ogni giorno sarà lì a ricordarti il tuo sbaglio e a procurarti disagio. Immagina invece come ti senti quando indossi un bel vestito e tutti si complimentano con te, una sensazione molto più piacevole non trovi?

Più sarai certo che l’artista che hai scelto è il migliore disponibile per realizzare il tuo progetto, tanto più sarai sicuro di ottenere un’opera che ti appagherà nel tempo, evitando che il tuo tatuaggio possa essere la puttanata di cui tutti ridono meno te. Il tuo tatuaggio ha il potere di farti sentire meglio se scelto attentamente ed eseguito con cura e abilità dall’artista giusto.

Se pensi che il tatuaggio che hai scelto è abbastanza piccolo per essere eventualmente coperto con un altro tatuaggio, rimosso con il laser o perché non vuoi spendere troppo, evita di farlo!!!

Non si decide di decorare la propria pelle per poi rimuovere io coprilo qualche tempo dopo. Fai la scelta migliore fin da subito.

Spesso chi è al suo primo tatuaggio pensa a qualcosa di piccolo e poco elaborato per paura di pentirsi o stancarsi, ma in realtà spesso si pente di non aver fatto qualcosa di più grande ed elaborato.

Cosa ti fa pensare che scegliendo qualcosa di minuscolo e poco attraente potrai sopportare l’idea di averlo addosso anche se non ti piace più?

Se limiti le tue scelte finirai col pentirtene.

Fai la tua scelta con rispetto, intelligenza e informazione. Non lasciare che altri influenzino la tua decisione, nemmeno gli amici o il tuo partner. La tua pelle è solo tua e Il tuo tattoo ti ricorderà il rispetto che hai per te stesso/a, la tua pelle, il perché, per sempre!

Chi è al primo tatuaggio, a volte sembra impaurito dall’idea di farlo a colori. Pensa a che tipo di arte preferisci: opere in bianco e nero o a colori?

Se preferisci le opere a colori, allora un tatuaggio colorato è ciò che fa per te.

Il più delle volte la paura del colore è legata al ricordo di aver visto brutti tatuaggi,

come se un tatuaggio brutto in bianco e nero possa essere più sopportabile di uno brutto a colori.

Lo scopo non è ottenere qualcosa di scadente.

L’obbiettivo è creare un’opera d’arte.

Il tuo tatuaggio potrebbe essere il primo di tanti, fai in modo che ci sia la possibilità di estenderlo in futuro. Meglio avere indosso un’opera organica invece di una collezione di adesivi piazzati alla rinfusa.

Il tuo tatuaggio è un compagno che porterai sempre con te. Se fossi alla ricerca di un partner per la vita, cercheresti una persona bruttina ed insignificante per paura di pentirti in seguito o andresti alla ricerca del meglio disponibile?

Magari hai in testa un’idea ma non hai ancora trovato il disegno. Non devi trovare un disegno, devi trovare un artista in grado di creare qualcosa di unico per te!

Portare con te qualche immagine di ispirazione può essere utile per far capire che tipo di opera desideri. Ma sii aperto ai suggerimenti dell’artista riguardo a ciò che è realizzabile o meno e come realizzarlo al meglio e in modo unico.

Evita le ricerche in Google immagini, preferisci riviste o libri di tatuaggi per farti un’idea di cosa è possibile realizzare su pelle e degli stili disponibili. In libri di illustrazione e arte potresti trovare ispirazioni anche più belle e originali.

Evita di chiedere a un amico di realizzare il disegno per il tuo tattoo e allo stesso modo evita di disegnarlo tu a meno che tu, o l’amico, siate dei veri professionisti e anche in quel caso sappi che disegnare sulla carta è molto diverso che disegnare su pelle. Rivolgiti ad un’artista che ha la conoscenza e l’esperienza necessaria per progettare e realizzare la tua opera e lasciati guidare da lui.

Un bel disegno con dei significati è ancora più bello, ma mille significati non renderanno bello un disegno brutto.

Se hai già un disegno, non è detto che sia adatto per un tatuaggio e che possa essere ridimensionato correttamente senza perdere in qualità.

Il tatuatore non è una stampante e la tua pelle non è un foglio di carta!

Non chiedere la copia del tatuaggio di qualcun altro. È una mancanza di rispetto verso l’artista che ha realizzato quell’opera, verso il cliente che ha pagato per un’opera unica, verso te stesso e nei confronti dell’artista a cui chiedi di copiare. Nessun artista con un’etica e una reputazione accetterà tale richiesta.

Chi ha tatuaggi e soprattutto a chi indossa tatuaggi belli, certamente ti diranno la stessa cosa: indossare qualcosa di unico è la scelta migliore che tu possa fare.

Per quel che riguarda le ispirazioni ci sono un’infinità di temi tra cui scegliere: hobby, passioni, arte, mitologia, storia, la tua storia, la tua filosofia di vita ecc. Persone tatuate e non, riviste specializzate e se lo ascolti anche il tuo buon senso, ti diranno che scriversi il nome dell’amore del momento, loghi di gruppi musicali ecc. Evita grafiche o temi di moda, alcuni stilemi grafici con il tempo perdono il loro fascino.

Pensa al tuo corpo come un bell’edificio e immagina di vedere un giorno quell’edifico con una parete affrescata, probabilmente penseresti che un artista ha completato l’opera. Pensa invece se un giorno vedessi quell’edificio ricoperto di simboli e scritte fatti con una bomboletta, probabilmente penseresti che qualche vandalo ne ha imbrattato i muri, vero?! Quindi pensa attentamente all’opera che vuoi ed evita di vandalizzare il tuo corpo.

La scelta dell’artista dipende da quel che vuoi, dallo stile che preferisci e dal tuo gusto personale. Guarda attentamente il suo portfolio, se non ti convince, esci e cercane un altro.

Non scegliere un tatuatore solo perché è economico, perché è il più vicino a casa o perché ha tatuato i tuoi amici. Un artista bravissimo nello stile giapponese non è detto sia altrettanto bravo nel biomeccanico o nei ritratti ecc. Esamina il portfolio dell’artista da cui vuoi farti tatuare con lo stesso occhio critico con cui guarderesti un libro d’arte!!!

Il portfolio non è un catalogo da cui scegliere il disegno, ma una raccolta dei lavori migliori che l’artista ha realizzato nel corso degli anni, per mostrare le sue qualità artistiche e da cui puoi capire se è l’artista giusto per te.

Verifica che le foto siano di buona qualità. Alcune foto potrebbero non essere buone per vari motivi, il cliente aveva fretta di andare via, ci sono riflessi, alcune parti sanguinano e forse il cliente non è tornato per fare una foto al -tatuaggio guarito, ma nell’insieme devono darti un’idea della qualità offerta dall’artista. I disegni devono piacerti, magari il lavoro è eseguito ad arte ma il gusto e le emozioni evocate da un’immagine sono del tutto soggettive. Quindi cerca di assicurarti che le immagini che vedi incontrino il tuo gusto personale.

Verifica la simmetria e il posizionamento dei tatuaggi. Un tatuaggio mal posizionato può significare scarsa attenzione. Qualche cliente può aver insistito per una posizione poco adatta, ma se i tatuaggi mal posizionati sono troppi è il caso di farsi qualche domanda.

Assicurati che le linee non siano tremolanti. Lo stesso vale per i colori, devono essere uniformi e le sfumature in grigio morbide e graduali. I tatuaggi appena fatti sono spesso arrossati ed irritati ma la pelle non deve sembrare “maciullata”. Dopo aver verificato ’abilità, devi decidere se è l’artista adatto a te. Ad esempio, se desideri una pin-up, assicurati che sia in grado di disegnare l’anatomia umana. Stessa cosa per i ritratti. Se afferma di saperli fare ma nel portfolio non c’è nemmeno un ritratto, qualcosa non va! In fianco al tattoo dovrebbe esserci la foto di riferimento, per mostrare la somiglianza.

Un tatuatore mette nel suo portfolio i suoi lavori migliori, quindi, se nel portfolio ci sono molti tatuaggi che non ti convincono figurati come sono quelli che non ha inserito!

Se non vedi il tipo o lo stile di tattoo che desideri, le possibilità sono che non ha ancora fatto quel tipo di soggetto o non ha voglia di farlo. Non significa che l’artista non prenderebbe il lavoro come una sfida eseguendo un ottimo lavoro. Ma se c’è qualcosa che un artista vuole fare in genere mostra qualche schizzo dei soggetti che vorrebbe tatuare.

Quando guardi il portfolio di un tatuatore cerca di capirne il valore. Il prezzo è l’ultima cosa di cui preoccuparsi, ma non si può ignorare completamente. Se un artista ti sembra costoso probabilmente offre una qualità e una cura superiori a un altro più economico e questo deve trasparire dal suo portfolio. Non significa che un artista più costoso è il più adatto al tipo di lavoro che vuoi, ma di certo non andresti da quello più economico solo per risparmiare soldi. Il coinvolgimento psicologico di un tatuaggio è altissimo e la qualità ha un costo. E ricorda di fare domande! Come dice un proverbio cinese:

“Colui che fa domande sembra stupido per cinque minuti. Quello che non ne fa resta uno stupido per sempre.”

Appena terminato il tatuaggio vorrai mostrarlo a tutti, ma potrebbero esserci occasioni in cui preferiresti coprirlo. Quindi evita il viso, collo e mani come primo tattoo. Oltre a possibili limitazioni lavorative, non tutti sono aperti ai tatuaggi e potresti avere reazioni inaspettate da parte degli altri. Avrai il tempo di farne di più visibili in futuro, dopo che avrai sperimentato cosa significa indossarne uno e come le persone reagiscono incluso te stesso.

Detto questo, ogni area del corpo può essere tatuata, ma ci sono disegni più adatti ad alcune zone rispetto ad altre. Evita di fare lavori troppo dettagliati in aree in cui la pelle è sottile o ha forme particolari, come polsi, ginocchia o i gomiti, poiché l’inchiostro potrebbe sbavare nel tempo.

Il corpo umano non è una superficie piana come un foglio di carta, ha forme cilindriche, protuberanze ed avvallamenti che tendono a deformare il disegno. Perciò fidati dei consigli dell’artista riguardo alle zone migliori su cui piazzare l’opera.

Molte scelte della vita sono dettate dalla quantità di soldi che possiamo spendere ma questo è il modo sbagliato di avvicinarsi al tatuaggio. Devi tatuarti quel che desideri non quel che puoi permetterti al momento. Quando hai capito quel che desideri, il passo successivo è trovare l’artista in grado di realizzare i tuoi desideri!

Potresti pensare che il costo di un tattoo sia elevato, ma ricorda che i tatuaggi, specialmente quelli grandi, vengono realizzati in più sedute, quindi potrai distribuire la spesa nel tempo. Certo è meglio che la distanza tra una seduta e l’altra non sia eccessiva, un artista con il tempo migliora e non vorresti certo trovarti di fronte a un artista che si è disaffezionato dalla tua opera o che ha dimenticato come voleva colorarla o definirla. Ma tra una seduta e l’altra possono passare diverse settimane e anche qualche mese in caso di grandi progetti. Alcuni tatuaggi richiedono persino anni prima di essere completati.

Fatti due conti. Nel corso della tua vita, compri scarpe, vestiti, telefoni, automobili, spendendo somme elevate, paragonate a un tatuaggio. Cifre a volte esagerate per oggetti che prima o poi butterai o cambierai. Il tatuaggio non lo cambi!

Quindi scegli quel che vuoi senza badare eccessivamente alla spesa. Quando avrai il preventivo organizzati per decidere il momento migliore in cui cominciare e il modo di distribuire le sedute su un tempo che ti possa permettere di far fronte alla spesa.

Se pensi che l’artista perfetto per il tuo tatuaggio sta in Inghilterra, Giappone, USA, metti da parte i soldi e vacci! Non solo avrai ciò che desideri, ma avrai una storia emozionante da raccontare per la vita, una storia disegnata sulla tua pelle!

Non c’è fretta, l’importante è fare la scelta giusta!

LA SEDUTA

Se sei al tuo primo tatuaggio potresti essere un po’ agitato/a. Non preoccuparti, succede! La paura per il dolore, che svanirà quasi subito, a meno tu abbia scelto una zona particolarmente sensibile, potrebbe lasciare spazio ad un altro pensiero critico, anche se forse solo a livello inconscio; sai che stai facendo qualcosa che modificherà in modo irreversibile il tuo corpo, questo pensiero potrebbe aumentare l’agitazione. In tal caso avverti subito il tatuatore. Basta una breve pausa per evitare cali di pressione causati dalla tensione.

Nei giorni che precedono il tatuaggio evita alcolici e stupefacenti, se fumi limita il numero di sigarette. Evita pasti troppo abbondanti o elaborati. La dieta è importante, se sulla zona da tatuare si formassero dei brufoli corri il rischio che non si possa eseguire il tatuaggio o che alcune aree debbano essere lavorate successivamente.

Evita sforzi eccessivi, bevi molta acqua e riposati adeguatamente. Se sarai in perfetta forma sarà più facile per il tuo corpo produrre endorfine, alzando la soglia di sopportazione.

Per ridurre lo stress a cui sarà sottoposta la pelle, fai la ceretta sulla parte da tatuare almeno 48 ore prima e applica una crema idratante. In alternativa puoi rasare la zona 24 ore prima o il giorno stesso, ma ricorda che la ricrescita dei peli potrebbe causare fastidio e prurito. Se scegli la ceretta, rivolgiti a un’estetista professionale per evitare un’eventuale follicolite, non indossare abiti aderenti dopo la ceretta e cura la pulizia.

Controlla le fasi lunari, i peli ricrescono più rapidamente con la luna piena o crescente.

Alcune indicazioni da seguire prima della seduta:

  • Pulisci accuratamente la pelle usando un esfoliante per eliminare la pelle morta.
  • Se stai assumendo farmaci avvisa l’artista per verificare che non ci siano impedimenti ed eventualmente scegli una data in cui il trattamento sarà terminato.
  • Se sei una donna, fissa la seduta lontano dal ciclo -mestruale. Durante il ciclo molte donne diventano ipersensibili e il dolore del tatuaggio può risultare insopportabile.
  • Fatti una doccia. Lo so, sembra ridicolo, ma ci sono persone a cui bisogna dirlo. Cura la pulizia e deodorati senza esagerare. Il tatuatore non vuole sentire cattivi odori ma nemmeno vapori chimici 😄
  • Non presentarti a digiuno. Assicurati di mangiare qualcosa almeno un paio d’ore prima. In caso di una lunga seduta portati uno snack.
  • Evita il caffè e gli eccitanti. Se proprio non puoi a farne a meno limitati il più possibile. La caffeina irrigidisce la pelle e rende più difficoltoso il lavoro dell’artista.
  • Vestiti in modo casual e comodo. Durante la seduta potresti dover assumere posizioni scomode e indumenti aderenti potrebbero risultare fastidiosi.
    Se devi tatuarti la spalla meglio una canottiera invece di una T-shirt. Se devi tatuarti la gamba meglio dei pantaloni larghi o degli short invece dei jeans attillati. Se lo ritieni opportuno porta pure degli indumenti di ricambio. Non indossare il tuo vestito preferito, poiché gocce di colore o di sangue potrebbero macchiarlo. I colori dei tatuaggi sono molto difficili da togliere.

Alcune persone arrivano in anticipo, talvolta con un anticipo eccessivo. Personalmente preferisco chi arriva 5/10 minuti in ritardo. Ricorda, Lavoro solo su appuntamento e quindi nessuno può rubarti il posto.

La soglia del dolore è soggettiva, quindi non quantificabile e dipende dalla parte del corpo scelta, le zone con pochi muscoli e vicine alle ossa sono più dolorose ma in genere è un dolore sopportabile, a volte solo un fastidio.
In commercio ci sono creme anestetico/lenitive, ma sono sconsigliabili, soprattutto per tatuaggi che richiedono lunghe sedute, perché non danno al corpo il tempo di abituarsi al dolore e quando l’effetto svanisce, il dolore diventa insopportabile. Per quel che riguarda invece gli unguenti anestetici, un uso eccessivo rovina il risultato finale.

Per la legislazione italiana il tatuatore non può somministrati nulla. Se lo ritieni indispensabile sarà tua cura procurati ciò che ritieni più idoneo al tuo caso specifico.

Regola nr. 1: Non Muoverti.

Regola nr. 2: Non Muoverti.

Regola nr. 3: Se ti dico “Stai fermo” hai violato le prime due regole.

Ricorda, la pelle non è un foglio di carta, ogni piccolo movimento si ripercuote su tutto il corpo, quindi, per la buona riuscita dell’opera è importante che cerchi di stare fermo. Ci sono persone che si muovono in continuazione, questo non fa altro che prolungare la durata della seduta e mette a rischio la buona riuscita dell’opera.

Regola nr. 4: Evita movimenti improvvisi

Se devi tossire, starnutire, grattarti ecc. Avvertimi. Quando senti il bisogno di fare una pausa non esitare a comunicarlo all’artista. Questo non significa interromperlo ogni 10 minuti. Una breve pausa ogni tanto è benvenuta anche per l’artista, ma interruzioni continue lo deconcentrano e rendono più difficoltosa la lavorazione.

Regola nr. 5: Lamentarsi è inutile.

I lamenti continui non aiutano la concentrazione. L’entusiasmo è contagioso, esattamente come l’insofferenza. L’artista potrebbe cercare di finire il lavoro rapidamente, senza la dovuta cura, per farti uscire dalla situazione di disagio, ma un lavoro eseguito di fretta non è mai un buon lavoro. Quindi cerca di rilassarti.

Una corretta respirazione o tecniche di rilassamento aiutano a controllare il dolore.

Se sai di essere particolarmente sensibile, cerca online tecniche di rilassamento o autoipnosi. Bastano pochi giorni di pratica per apprendere tali tecniche.

Regola nr. 6: Se sei scomodo cerca di resistere.

Se pensi che la posizione che devi tenere durante la seduta sia scomoda non cercare di convincere l’artista a lavorare in una posizione per te più comoda. Chi ha bisogno di essere comodo è l’artista non tu. Lui sa come fare per ottenere il miglior risultato e ha bisogno di essere in una situazione confortevole per tracciare linee precise e buone sfumature. Se la posizione è veramente così scomoda chiedi al tatuatore di fare qualche pausa in più. L’obiettivo è quello di avere la pelle sufficientemente tesa e in posizione favorevole per un buon lavoro, non certo quella di spezzarti la schiena w

Regola nr. 7: Non prendere iniziative.
Lo studio è un luogo asettico e tale deve restare. L’artista segue delle procedure per evitare contaminazioni. Non toccare nulla nella sua area di lavoro senza chiedere!

Regola nr. 8: Non prendere iniziative.
Non toccarti il tatuaggio durante l’esecuzione. Se durante una pausa sanguina, non toccarlo ma chiedi all’artista di asciugarlo. Questo eviterà pericoli di contaminazione.

Regola nr. 9: Il telefonino resta fuori dalla sala operatoria.
Spegnilo o mettilo in modalità silenziosa e fuori dalla sala operatoria.

Usare il telefono mentre l’artista si impegna per creare un’opera sulla tua pelle, oltre ad essere una mancanza di rispetto è una distrazione per entrambi. Gestisci le chiamate importanti prima della seduta o durante le pause.

Regola nr. 10: Non forzare la conversazione.
Alcuni tatuatori sono chiacchieroni, altri no. Se il tuo artista è silenzioso, non forzarlo a parlare, probabilmente è il suo modo per concentrarsi e non è nel tuo interesse deconcentrarlo. Evita domande inutili o maleducate. Chiedere quanto costa la sua attrezzatura è di cattivo gusto. Domandare se c’è differenza tra le macchine o gli aghi che usa è una domanda con una risposta ovvia. Un pittore usa pennelli diversi, un tatuatore usa macchine e/o aghi diversi.

Si può parlare di tutto ma la regola d’oro è sempre la stessa: conta fino a 10 prima di fare domande che hanno risposte ovvie e che probabilmente l’artista ha già sentito migliaia di volte (molte delle tue domande possono trovare risposta con una ricerca su internet). Il tatuatore è un professionista come gli altri e il suo intento è metterti a tuo agio. Nonostante la situazione informale, è importante mantenere il rispetto e trattarlo come faresti con qualsiasi altro professionista. Conversare è piacevole e umano, ma se vuoi fare un’intervista fissa un appuntamento e portati il registratore 😅

DOPO

La buona riuscita e durata del tuo tatuaggio dipendono dalle cure che gli dedicherai nei primi giorni. Per prevenire ogni forma di infezione e/o irritazione, il giorno del tatuaggio cambia le coperte del letto, a maggior ragione se hai degli animali in casa che dormono con te. In quest’ultimo caso evita che salgano sul letto durante il periodo di guarigione.

  • Rimuovi la pellicola trasparente applicata dopo la sessione appena torni a casa o entro poche ore.
  • Lavalo accuratamente con acqua molto calda e sapone antibatterico o neutro per rimuovere eventuali grumi di sangue o colore. Lavare il tatuaggio con acqua molto calda è una procedura abbastanza fastidiosa ma renderà la guarigione molto più rapida e semplice.
  • Asciugalo delicatamente con uno scottex per evitare pilucchi che possono causare infezioni e applica un sottile strato di crema.
  • Appena affiora del sangue o del siero ripeti l’operazione, fino a quando smettono di fuoriuscire. Questo ridurrà sensibilmente la quantità di croste e renderà più rapida la guarigione e più semplice la cura.
  • Durante la prima notte, applica una quantità leggermente maggiore di crema e usa la copertura fornita per assorbire l’essudato. Se al mattino la copertura avesse aderito ad alcune parti del tatuaggio non forzare la rimozione ma metti la zona interessata sotto l’acqua corrente per rendere più facile la rimozione.
  • Dal giorno successivo, lavalo delicatamente 2-3 volte al giorno con acqua calda e sapone antibatterico o neutro, asciugalo tamponandolo e applica sottili strati di crema. Meglio un sottile strato più volte al giorno che troppa crema una volta sola. Se applichi troppa crema non fai respirare la pelle allungando i tempi di guarigione.
  • Preferisci la doccia al bagno e comunque evita di starci a lungo.
  • Evita il sole diretto, sauna, piscina, mare e lampade UVA.
  • Copri il tatuaggio solo se lavori con polveri (es. cemento), usando pellicola trasparente e rimuovila il prima possibile.
  • Non grattarlo, sfregarlo con vestiti stretti, non rimuovere le croste. Indossa solo indumenti di cotone o lino a contatto con il tatuaggio.
  • Se durante la guarigione il prurito diventa insopportabile, sciacqualo con acqua fresca e applica la crema.
  • A guarigione avvenuta, continua a pulirlo regolarmente e applica crema idratante 2-3 volte al giorno per 1-2 settimane.
  • Evita l’esposizione al sole anche dopo la guarigione. Proteggi sempre il tatuaggio con una crema solare ad alta protezione (almeno SPF 30+), meglio ancora con una manica anti UV.

Il tatuaggio può sanguinare, ma smetterà entro 2-3 ore. Evita che le croste si asciughino o si bagnino troppo, devono sempre essere unte. Il tempo medio di guarigione dell’epidermide è di 2-3 settimane, mentre il derma sottostante impiega circa 90 giorni per rigenerarsi completamente. Ma non preoccuparti, solo le prime settimane richiedono cure attente.

La pelle non è un foglio di carta, è una superficie elastica sottoposta ogni giorno a stiramenti, compressioni e torsioni, sarà quindi normale che con il passare degli anni le linee tendano ad allargarsi leggermente e perdere in definizione, quasi come una foto un po’ sfocata. In particolare nelle zone sottoposte a maggiore stress: ginocchia, gomiti, polsi, collo ecc. Per questo motivo tatuaggi piccoli con molti dettagli sono sconsigliati.

I cambiamenti del tuo tatuaggio dipenderanno dalla cura che dedicherai a te stesso.

Sport e creme idratanti per mantenere il tuo corpo e la tua pelle tonica negli anni a venire sono consigliati sia per il tatuaggio che per te stesso.

La tecnologia degli inchiostri e degli aghi si è molto evoluta negli anni, perciò, a meno che tu abbia notevoli e rapidi aumenti o riduzioni di peso, o altri tipi di stress intenso che influiscano sulla tua pelle, l’aspetto del tuo tatuaggio non dovrebbe cambiare eccessivamente.

Se pensi di cominciare a fare palestra o una dieta dimagrante, meglio farlo prima di tatuarti. Immagina un disegno su un palloncino: se lo sgonfi il disegno diventerà più piccolo ma non in modo uniforme; se lo gonfi, il disegno si gonfierà. La stessa cosa succederebbe al tuo tatuaggio con il cambiamento del tuo fisico. Quindi, se hai progetti del genere per il tuo corpo, è meglio aspettare di aver raggiunto il tuo obbiettivo prima di tatuarti. Se invece da anni rimandi una dieta o l’iscrizione in palestra… Non credo ci saranno problemi s

Ricorda che il colore è sotto la pelle e sarà influenzato dalla tonalità della tua pelle.

Ad esempio, se hai una carnagione scura, sarà difficile ottenere colori vivaci. Un buon artista saprà consigliarti nella scelta dei colori che si adattano alla tonalità della tua pelle e creare i contrasti necessari per rendere l’opera il più brillante possibile.

Infine, i colori per tatuaggi non sono diversi da qualsiasi altro colore. I raggi solari possono alterare i pigmenti del tatuaggio. Quindi, per preservare l’opera che porti sulla pelle è buona regola, quando vai al sole, soprattutto se ti piace abbronzarti, coprire il tatuaggio con una crema solare ad alta protezione (SPF 30 o più), meglio ancora con una manica anti UV.

Il Bepanthenol è una delle creme più diffuse, ha un costo ridotto e si può trovare in ogni farmacia e parafarmacia e non ha finora dato problemi di sorta, ma nel caso di arrossamenti e/o irritazioni interrompi l’applicazione e sostituiscilo con una crema organica. In caso di dubbi non esitare a contattare il tuo tatuatore.
In commercio ci sono diverse creme specifiche per il trattamento del tatuaggio durante il periodo di cicatrizzazione, molte sono migliori del Bepanthenol ma a meno di avere un rivenditore vicino a casa dovrai necessariamente acquistarle online.
Di seguito il link ai rispettivi produttori.
Sarà tua cura procurarti quella che ritieni più adatta. Nel caso tu abbia delle allergie verificane gli ingredienti prima di acquistarle.

 

CREME

 

ANESTETICI

Articoli Correlati