IL PICCO DEL DIAVOLO

L’idea iniziale di questo ragazzo era un biomeccanico su tutta la gamba. Un lavoro che avrei eseguito con estremo piacere vista la mia passione per i biomeccanici, ma purtroppo prima dell’appuntamento cambiò idea. Mi sottopose l’illustrazione (probabilmente l’ambientazione di un videogioco) dell’ingresso di una caverna che all’incirca aveva la stessa impostazione e colori dell’opera finale. Sia per una questione etica che artistica cerco sempre di evitare il “copia e incolla”. Quindi ho rielaborato il tutto disegnandolo a mano libera sulla sua gamba prima di eseguire il tatuaggio. La sua passione per i climi freddi, la montagna e i teschi è qui ben rappresentata.